ArpaFvg: cronaca di una credibilità incredibile – 10 dicembre 2015   Leave a comment

Nonostante due comunicati stampa nell’arco di qualche giorno con i quali si è tentato di replicare alle osservazioni poste sulla qualità dei dati registrati, pubblicati o assenti , Arpa Fvg ha omesso le risposte alle puntuali dichiarazioni che il sottoscritto ( e non solo ) ha posto, in particolare, sulle due centraline private ( di Elettra spa ) situate in Via Pitacco ed in Via Svevo.

Perchè, tra l’altro, sulle 4 centraline nei dintorni di Servola, due sono private ( e non si sa se i dati siano o meno verutieri )ed una, pur essendo i dati rilevati reali, non può essere utilizzata per la misurazione della qualità dell’aria ( Via S.Lorenzo ).
Quando si dice: una efficace rete di rilevamento.

Ma ricapitoliamo.
In data 20 novembre, contatto telefonicamente ArpaFvg. La centralina di via Svevo, in particolare, misura 9 sforamenti delle Pm10 negli ultimi 10 giorni.
Chiedo se, nello specifico, vista la serie negativa, Arpa invii agli enti, oltre al dato giornaliero, un qualche  documento supplementare in cui si sottolineino le criticità.
Risposta: no.
Chiedo quale affidamento abbiano i dati trasmessi dalle centraline private.
Risposta: i dati ci vengono trasmessi e noi li elaboriamo.
Domanda: quindi non esiste alcuna verifica da parte vostra.
Risposta: no. Non possiamo accedere alle strutture, non abbiamo le chiavi.
Domanda: ma, almeno, richiedete ad Elettra una qualche certificazione, da parte di un ente terzo, sul corretto funzionamento dell’impianto, sulla pulizia, sulla taratura ed efficienza degli strumenti?
Risposta: no. Potremmo fare noi degli audit, chiedendo di accedere alle centraline e verificarne il corretto funzionamento.
Domanda: ne avete mai fatti?
Risposta: no, che mi risulti.
Domanda: il dubbio sull’attendibilità deriva anche dal fatto che su 4 centraline, ben 3 ( s.lorenzo, svevo e carpineto ) e     sono oltre. Mentre pitacco no. Risulta strano, non crede?
Risposta: si, in effetti…

Passano alcuni giorni.

Durante la conferenza stampa di giovedì 03 dicembre sottolineo questo preoccupante aspetto, che viene ripreso dalla stampa. Ovviamente, alle mie parole, bisogna replicare.

04 dicembre: Primo comunicato di Arpa
ARPA: STAZIONI ELETTRA A SERVOLA PARTE DI COMPLESSO SISTEMA INDAGINE
Udine, 4 dic – “L’Agenzia Regionale per la Protezione del”Ambiente (ARPA) ha da sempre dedicato molta attenzione alla qualità dei dati forniti dalle diverse stazioni di monitoraggio, comprese quelle collocate nell’area di Servola (Trieste), alcune delle quali sono state installate anche con la finalità specifica di monitorare le performance produttive degli stabilimenti industriali di Siderurgica Triestina e di Elettra”.
Lo ribadisce l’ARPA precisando che “ciò consente di disporre di un quadro di informazioni sempre aggiornato e di alto livello scientifico”.
L’affermazione riportata sulla stampa locale – ovvero che l’ARPA del FVG non effettua verifiche sui dati di qualità dell’aria acquisiti dalle stazioni di proprietà della Società Elettra nell’area di Servola a Trieste – “è quindi priva di fondamento, sia dal punto di vista tecnico, sia dal punto di vista scientifico”.
ARPA – afferma in una nota – “utilizza tutti i dati rilevati dalle stazioni di monitoraggio presenti nell’area triestina, come in tutte le aree del territorio regionale, considerando sia dati quantitativi che qualitativi (ad esempio le emissioni odorigene), indipendentemente dal soggetto proprietario”.
Tutti i dati acquisiti sono analizzati ed elaborati per produrre informazioni di diverso contenuto, dalla semplice tabella riassuntiva consultabile on line, alla più complessa previsione modellistica sulla dispersione degli inquinanti. Lo scopo è duplice: da un lato fornire un’informazione pubblica di base sempre corretta e affidabile, dall’altro fornire ai decisori gli strumenti più adatti per valutare le pressioni o gli impatti sull’ambiente delle attività umane, al fine di individuare le migliori soluzioni per il futuro.
Per quanto riguarda le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria di proprietà della Società Elettra, è opportuno inoltre ripercorrere le motivazioni che stanno alla base della loro installazione, oltre a definire un possibile scenario di evoluzione, legato alla eventuale concessione e all’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per lo stabilimento della Società Siderurgica Triestina.
Giova a tal fine ricordare che nel 2014 la Regione Friuli Venezia Giulia aveva dato mandato all’ARPA di acquisire la gestione delle tre stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria di proprietà Elettra (in via Pitacco e in via Svevo a Trieste e a Muggia). Tali stazioni sono state a suo tempo realizzate e sono gestite da Elettra per effetto del provvedimento di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) nazionale che ha permesso la realizzazione dell’impianto di termocombustione a fini di produzione energetica della medesima Società.
Secondo le indicazioni regionali, ARPA ha proposto a Elettra di subentrare nella gestione delle stazioni di misura, sottoponendo un’ipotesi di convenzione onerosa per regolare i rapporti tra i due soggetti. Purtroppo la convenzione non è stata sottoscritta in seguito alle difficoltà economiche e finanziarie della Società, che hanno portato al suo commissariamento. Non risulta peraltro sussistere la possibilità di agire in via forzosa per subentrare nella gestione di tali centraline.
In questo contesto, e preso atto della sussistenza di difficoltà estranee alla volontà della Regione e dell’ARPA, nell’ambito della Conferenza dei Servizi in via di conclusione per il rinnovo dell’AIA alla Siderurgica Triestina è stato condiviso un percorso per adeguare la rete di monitoraggio nell’intorno della Ferriera, integrando le stazioni esistenti con altre di nuova installazione, in modo da realizzare un sistema di monitoraggio articolato, pienamente rappresentativo e completamente gestito dall’ARPA.
Tale percorso prevede l’integrazione delle attuali stazioni di proprietà dell’ARPA (San Lorenzo in Selva-RFI e via Carpineto) con tre stazioni di nuova installazione, di proprietà di Siderurgica Triestina, ma gestite da ARPA (via Pitacco e via del Ponticello a Trieste e Muggia): ciò risolverà in via definitiva la questione della rappresentatività della rete e della terzietà della sua gestione.

Nel frattempo, sempre il 04 dicembre, contatto la sede Arpa di Palmanova.
Domanda: buongiorno, ho visto sul sito che dal 30 novembre le 2 centraline di via Svevo e via Pitacco non trasmettono i dati sulle Pm10. Vorrei saperne i motivi
Risposta: verifichiamo e la richiamiamo.
Dopo qualche minuto.
Arpa: abbiamo controllato ma non siamo in grado di fornire una motivazione. La centralina non rileva i dati sulle Pm10.
Domanda: provo a sentire la sede di Trieste?
Risposta: si. Provi.
Chiamo Arpa Trieste.
Domanda: sempre quella.
Risposta: mi dispiace, il tecnico non è in sede, dobbiamo risentirci lunedì.
Domanda: mi scusi, ma come è possibile che non sappiate dare una risposta? Sono già 4 giorni che i dati non vengono trasmessi…
Immagino che non arrivino neanche al Comune.
Risposta: non so cosa dirle. Vediamo lunedì.

Intanto, rispondo al Comunicato di Arpa con una breve Nota Stampa.

Centraline Elettra: risposta al comunicato di ArpaFvg
Se Arpa Fvg potesse verificare l’attendibilitá dei dati delle centraline di proprietá Elettra situate in via Svevo e in via Pitacco, dovrebbe essere nelle condizioni di rispondere, in qualsiasi momento, e con una valida motivazione, per esempio, del perchè le due centraline menzionate, dal 30 novembre non forniscano i dati sulle PM10.
Venerdì pomeriggio, sia la sede di Palmanova che quella di Trieste, contattate telefonicamente dal sottoscritto, non erano in grado di fornire alcun genere di risposta a quella mia richiesta.
Mi é stato confermato che Arpa non ha accesso alle suddette strutture, non richiede la verifica da parte di un soggetto terzo della calibrazione e dell’efficienza degli strumenti, non effettua ” audit ” specifici per verificarne il corretto funzionamento.
Se, oggi, ArpaFvg sostiene versioni diverse rispetto a quanto gli operatori hanno riportato al sottoscritto, dimostri carte alla mano la veridicitá di quanto afferma.

06 dicembre 2015
Tutte le centraline oltre i limiti.
Uniche bandierine verdi ( dal sito ), via Pitacco e via Svevo che non trasmettono dati dal 30 novembre.

07 dicembre 2015
Chiamo Arpa Trieste
Risposta: mi dispiace ma il tecnico non c’è neanche oggi. Quindi non so dirle nulla di nuovo.
Domanda: mi scusi. È dal 30 che mancano i dati. Ma il tecnico, visto che non potete accedere a quelle due centraline, cosa dovrebbe dirci ?
Risposta: si, però io non so cosa dirle. Riaggiorniamoci mercoledì.

09 dicembre 2015
Mi contatta Arpa Trieste.
Buongiorno, guardi, sulle centraline risponderà questo pomeriggio con un comunicato stampa il direttore di Arpa, che chiarirà il problema.
( probabilmente è arrivata una comunicazione: non fornire dettagli e risposte agli utenti via telefono ).

Nel pomeriggio: secondo comunicato di ArpaFvg

AMBIENTE: ARPA FVG, DATI QUALITÀ ARIA SEMPRE AGGIORNATI
Trieste, 9 dic – “Sulla qualità dell’aria l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) del FVG continua a fornire ai sindaci un servizio informativo suppletivo, anche nella fine settimana e nei giorni festivi”. Lo afferma l’ARPA in una nota, a seguito della temporanea interruzione del servizio di previsioni numeriche, precisando che “la presenza di inquinanti nell’aria è valutata sia tramite le stazioni di monitoraggio, sia attraverso modelli di previsione che, al pari delle previsioni meteorologiche, danno indicazioni sull’evoluzione degli inquinanti nel tempo”.
Il 6 agosto, purtroppo, si è verificato un danno al computer Nexus, dell’ARPA, dedicato alla previsione della qualità dell’aria. Si è trattato di un guasto del tutto imprevedibile, che ha comportato la temporanea perdita di tutte le informazioni contenute nella base dati e dei programmi di calcolo sviluppati dal 2009″.
Immediatamente l’ARPA ha avvisato tutti gli utenti del servizio di previsione della qualità dell’aria ed è stato predisposto un programma di ripristino della funzionalità, che procede secondo un cronoprogramma costantemente monitorato. Per accelerare il ripristino sono state attivate anche delle collaborazioni con la Regione Friuli Venezia Giulia e con Insiel, anche al fine di utilizzare al meglio le risorse di calcolo già presenti sul territorio, con costi quindi contenuti.
Alcuni servizi previsionali sono già stati riattivati, come quelli che hanno consentito di fornire il supporto informativo necessario al recente rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) alla Siderurgica Triestina, oppure per concludere le indagini epidemiologiche già avviate dall’Osservatorio Ambiente e Salute.
“Il guasto – prosegue la nota dell’ARPA – non impedisce agli amministratori locali di utilizzare i Piani di Azione sulla qualità dell’aria, ma questi ora devono essere attivati a seguito di un giudizio esperto o sulla base delle rilevazioni effettuate dalle stazioni di monitoraggio. Le previsioni di qualità dell’aria sono ora fornite, infatti, in forma semi-qualitativa (giudizio esperto) ogni qualvolta si verificano condizioni meteo di ristagno atmosferico, che possono determinare il superamento dei limiti di legge”.
In sostanza, ribadisce la nota, “l’ARPA non ha smesso di fornire ai sindaci un servizio informativo suppletivo in ogni giorno della settimana”. “I tecnici dell’ARPA – conclude la nota – stanno lavorando intensamente per ripristinare nei tempi previsti la completa funzionalità del servizio, che offriràstandard di sicurezza molto elevati che eviteranno il ripetersi di analoghi guasti”.

Considerazioni:
Il comunicato del 04 dicembre non menzionava i guasti a Nexus.
In entrambi i comunicati non viene data una reale risposta a quanto da me riportato in merito ai contenuti delle numerose telefonate ad Arpa.
Non si ha certezza dei dati di via Svevo e Pitacco. Nessuna verifica sugli strumenti. Quei dati arrivano e vengono presi per buoni. E, se le centraline non trasmettono i dati, dopo 9 giorni non si è in grado di saperne le motivazioni.
Questo è quanto mi è stato detto.

Oggi 10 dicembre 2015

Tutto come ieri: Svevo e Pitacco ferme, per le Pm10, al 30 novembre.
Ma va tutto bene.

image

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: