Testi in formato accessibile: interrogazione al Mibact 11 luglio 2016   Leave a comment

Interrogazione a risposta scritta

Prodani Aris,

Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale

Per sapere – premesso che:

l’articolo 27, comma 1, della Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948 recita: «ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi benefici»; 

il diritto all’accessibilità è sancito dagli articoli 2 e 3 della Costituzione che stabiliscono il principio della pari dignità sociale di tutti i cittadini e l’obbligo della Repubblica italiana alla rimozione degli ostacoli che si oppongono al pieno sviluppo della persona umana; 

il 31 marzo 2007 l’Italia ha firmato la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 13 dicembre 2006. Secondo l’art. 30 il diritto alla cultura accessibile (open culture, cultura inclusiva, cultura aperta), inteso sia come garanzia di accesso fisico ai contenitori culturali che come garanzia di accesso percettivo ed intellettivo ai contenuti trasmessi, è prerogativa dello sviluppo del Paese, e laddove questo venga negato, viene compromessa in maniera discriminatoria l’effettiva partecipazione su basi paritarie di molte persone alla vita sociale e culturale;

l’Unione Europea, in data 30 aprile 2014, ha firmato il Trattato di Marrakech (adottato dall’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (OMPI), il 28 giugno 2013) che comprende 186 stati membri.

Il testo introduce, a livello internazionale, una deroga obbligatoria al diritto d’autore per le associazioni di persone non vedenti e ipovedenti e per le biblioteche che producono, distribuiscono e rendono disponibili libri in formati accessibili, a patto che tali associazioni si premurino di rispettare il diritto d’autore, facendo in modo che i testi prodotti e distribuiti siano destinati ad un pubblico di soli disabili visivi o persone che non possano leggere su carta;

il sito online www.wipo.int comunica, a riguardo, che: “un totale di 51 paesi ha sottoscritto il trattato nella conferenza diplomatica di Marrakech”. Per entrare in vigore era prevista la ratifica del trattato da parte di almeno 20 paesi. La quota è stata raggiunta il 30 giugno 2016 e i paesi che hanno ratificato il documento sono stati: India, El Salvador, Emirati Arabi Uniti, Mali, Uruguay, Paraguay, Singapore, Argentina, Messico, Mongolia, Repubblica di Corea, Australia, Brasile, Perù, Repubblica democratica popolare di Corea, Israele , Cile, Ecuador, Guatemala e Canada.

A distanza di due anni dalla firma del Trattato, Il Governo italiano non ha ancora ratificato il documento, venendo meno ai suoi obblighi nei confronti delle persone con disabilità;

Lo scorso 16 giugno 2016, il sito online www.superando.it in un articolo dal titolo: “Leggere è un diritto di tutti” ha riportato le dichiarazioni di Rodolfo Cattani, segretario generale dell’European Disability Forum (EDF) che, sul Trattato di Marrakech ha ribadito come: «(…) serve soprattutto ai Paesi meno sviluppati, dove i libri accessibili sono pochi – circa l’1% – e i soldi per farli mancano, ma serve anche a tutti coloro che per studio, lavoro, cultura vogliono consultare libri all’estero. È veramente un bell’esempio di civiltà, solidarietà e concreta cooperazione internazionale a costo zero. Ratificarlo è un dovere morale; un atto di giustizia contro la discriminazione».

Mario Barbuto, Presidente Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI), ha aggiunto che: «quel Trattato non ha alcun onere per lo Stato, anzi sarebbe un modo di rispondere all’impegno che lo Stato stesso ha assunto con la ratifica della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità».

L’articolo intitolato “Entra in vigore il Trattato sui libri accessibili, e l’Italia?” pubblicato, il 04 luglio 2016 sul sito menzionato, ricordando la manifestazione “Leggere: un diritto di tutti – accesso all’informazione e alla cultura per le persone con disabilità e trattato di Marrakech” tenutasi, in data 20 giugno 2016, presso la Camera dei Deputati sottolinea che: “(…) il 30 settembre prossimo il Trattato di Marrakech potrà finalmente entrare in vigore, permettendo il libero scambio internazionale non commerciale di materiale librario protetto dal diritto d’autore, realizzabile in formati accessibili, quali Braille e audio. E oltre che alle persone con disabilità visiva, ciò porterà ad effetti positivi anche per le persone dislessiche o con altre difficoltà di lettura”.

Arnt Holte, Presidente della Word Blind Union, l’Unione Mondiale dei Ciechi, ha dichiarato in merito: «Questo è un altro giorno storico per il nostro movimento, una grande vittoria che faciliterà l’accesso ai libri per le persone non vedenti e ipovedenti. Il Trattato entrerà in vigore tra poco meno di tre mesi e aiuterà milioni di persone non vedenti e ipovedenti le quali avranno un accesso più libero e facilitato alla letteratura e ai materiali didattici, per un’integrazione sociale sempre maggiore».

Nella nota stampa succitata Barbuto conclude dichiarando: «con il Trattato di Marrakech, avremo un’opportunità in più per accedere al sapere, alla cultura, alla conoscenza, in una posizione di uguaglianza, cittadini tra i cittadini. Auspichiamo ora che anche l’Italia voglia presto procedere alla ratifica del Trattato, nello spirito dell’impegno assunto con la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità» -:

se i Ministri interrogati, alla luce di quanto esposto in premessa,  intendano rendere operativo l’impegno assunto con la sottoscrizione del Trattato di Marrakech definendo, in ultimo, le tempistiche e le modalità della ratifica.

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: