Contrastare il cyber crime – Interrogazione al Ministro dell’interno, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, al Ministro dello sviluppo economico   Leave a comment

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro dell’interno, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, al Ministro dello sviluppo economico .

Per sapere – premesso che:
il crimine informatico o cyber crime è un fenomeno che si caratterizza nell’abuso della tecnologia informatica, sia hardware che software, per la commissione di uno o più reati;
la casistica e la tipologia sono piuttosto ampie: il sito webitmag.it, nell’articolo del 20 luglio 2016, ha riportato come siano «i viaggiatori, sia business sia leisure, le vittime «facili» delle infrazioni compiute on line, specie quando si trovano all’estero e non sono protetti abbastanza. Lo rivela l’ultima ricerca di Kaspersky Lab, che segnala come «(…) l’82 per cento dei viaggiatori si connetta ai wi-fi pubblici ovunque si trovi all’estero e, usando questa connessione potenzialmente pericolosa, che può essere intercettata e sfruttata dai cyber criminali, il 61 per cento degli utenti si dedica all’online banking e il 55 per cento fa shopping online. Inoltre, il 42 per cento degli utenti ammette che farebbe acquisti online usando la propria carta di credito quanto o più di quando si trova a casa. Senza una protezione appropriata, questo comportamento espone gli utenti a rischi inutili, ma solo il 34 per cento dei consumatori utilizza una connessione sicura (VPN) quando si collega a un wi-fi pubblico, mentre il 18 per cento afferma di non fare nulla per proteggersi»;
in data 3 febbraio 2017, il sito http://www.helpconsumatori.it ha evidenziato come «(…) tra le imprese cresca la consapevolezza del rischio cyber. Lo specchio del problema emerge dall’annuale indagine promossa dall’Osservatorio Information Security e Privacy promosso dal Politecnico di Milano. I maggiori timori connessi al cybercrime sono il furto di dati dei clienti (27 per cento) seguiti da furti di denaro (15 per cento) e appropriazione dolosa dell’identità (12 per cento) (…)»;
il quotidiano La Repubblica, nell’articolo del 2 marzo 2017, ha spiegato come «i virus informatici siano sempre più veloci grazie all’utilizzo di smartphone e tablet. (…) Al top i Trojan pubblicitari (virus che si intrufolano nei dispositivi mascherandosi da software legittimi) in grado di ottenere i diritti di «superutente», cioè in grado di installare furtivamente altre app dannose all’insaputa dell’utente (…)»;
il sito online http://www.ttgitalia.com, nella medesima giornata, ha riportato che «(…) uno dei principali cybercrime, anche per quanto riguarda il business del turismo, è il furto di identità. E i canali attraverso cui agiscono i criminali della rete sono il device spoofing e l’identity spoofing, due tecniche fraudolente che consistono nel sostituirsi all’utente del dispositivo, anche per sottrarre dati come nomi utenti e relative password. Per quanto riguarda le tipologie di device, per il momento i computer desktop risultano più attaccati, mentre i dispositivi mobile sarebbero più sicuri. Ma il report avverte: il cybercrimine si sta attrezzando per colpire con più efficacia smartphone e tablet, anche con la creazione di app fraudolente che imitano in tutto e per tutto le applicazioni più diffuse, tanto da trarre in inganno anche gli utilizzatori abituali»;
«Un altro settore che sta diventando terreno fertile per le attività disoneste è quello delle recensioni online, diventate ormai una parte integrante dell’esperienza di viaggio. Anche in questo caso entrano in gioco dei software in grado di scrivere e postare opinioni sui siti che ospitano i giudizi degli utenti»;
In ultimo, «l’intromissione all’interno dei profili legati a programmi fedeltà. Il report ripreso da tnooz.com, infatti, sottolinea che i cybercriminali tentano di accedere ai loyalty program e trasferire i punti a un altro profilo, oppure effettuare direttamente transazioni o prenotazioni con i benefit maturati dall’utente truffato» –:
se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza di quanto esposto in premessa;
quali iniziative intendano assumere per contrastare il cybercrime fenomeno in costante espansione nelle sue molteplici forme, in particolare nel settore turistico, e garantire la sicurezza degli utenti. (4-16092)

cyber crime

Link Sito Camera

Pubblicato 29 marzo 2017 da vari86 in 2017, Documenti Camera

Taggato con , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: