Utenze Telecom fantasma – Interrogazione al MISE   Leave a comment

​Interrogazione a risposta scritta 4-16734

presentato da

PRODANI Aris

— Al Ministro dello sviluppo economico . — Per sapere – premesso che: 

come riportato da un articolo pubblicato il 20 maggio 2017 sul sito online de La Repubblica, il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato, a fine 2016, un’indagine nei confronti di Telecom Italiana spa, da cui è emerso che numerose persone siano risultate intestatarie di utenze a loro insaputa; 

a far luce sulla vicenda è stato il reclamo di un abbonato inconsapevole che, nel 2011, ha scoperto che il suo codice fiscale era associato a 826 telefoni. Secondo la compagnia telefonica «il caso è imputabile al cambio di sistema gestionale avvenuto tra il 2003 e il 2004. Da allora il problema non è stato ancora risolto»; 

il 25 gennaio 2017, da un controllo a campione effettuato dall’Autorità sui codici fiscali associati a un numero di utenze di rete fissa maggiore o uguale a cinque «sono emersi errori su 644 clienti, complessivamente intestatari di oltre 7.000 linee»; 

inoltre, la negligenza di Telecom Italia spa si è estesa anche al «Rac», la banca dati giudiziaria interrogata per i tabulati e le intercettazioni, «sistema la cui delicatezza è di tutta evidenza essendo preordinato a consentire la corretta effettuazione di verifiche da parte di polizia e magistratura. Questo significa che nel caso in cui uno degli utenti risultasse indagato e quindi intercettato, le intercettazioni potrebbero essere erroneamente attribuite a numeri di telefono che l’indagato non utilizza. Tanto più che, secondo il Garante, quando qualche utente ha sollevato la questione, Telecom su reclamo ha aggiornato i dati reali, ma non ha tenuto conto dell’errore, lasciando così desumere la pregressa titolarità delle numerazioni in capo ai soggetti interessati dai disallineamenti»; 

pertanto, secondo l’Autorità, «la condotta negligente e omissiva tenuta dalla società evidenzia una poco attenta gestione dei sistemi che rappresentano i gangli vitali della propria infrastruttura informativa, interessando direttamente la clientela». Infine, ha già preannunciato sanzioni amministrative, oltre che l’obbligo di una «bonifica degli errori nel sistema informatico dato che sembrerebbe che le intestazioni non corrispondenti alla realtà riguardano un ampio novero di clienti. Anomalie di cui Telecom non è stata in grado di dare conto. La Società, ad ogni modo, ha fatto sapere di avere avviato specifiche azioni finalizzate a rafforzare i nuovi sistemi di gestione a favore della tutela dei dati personali dei propri clienti» –: 

se il Ministro interrogato sia al corrente dei fatti sopra esposti e se intenda adottare iniziative volte a rendere più stringente la normativa in materia per evitare il ripetersi di vicende simili a danno dei consumatori, garantendo l’effettiva tutela dei dati personali. (4-16734)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: