Assunzioni settore beni culturali – Interrogazione al Mibact   Leave a comment

​Interrogazione a risposta scritta 4-16869

presentato da

PRODANI Aris

testo di

Mercoledì 7 giugno 2017, seduta n. 810

— Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo . — Per sapere – premesso che: 

dal 22 maggio al 7 giugno 2017 si è svolto a Napoli il primo Festival italiano dello sviluppo sostenibile, promosso da ASviS – Alleanza Italiana per lo sviluppo sostenibile, e caratterizzato da oltre duecento eventi su tutto il territorio; 

il sito online di Repubblica, nell’articolo del 22 maggio, ha dichiarato che «lo scopo della manifestazione è richiamare l’attenzione sui diciassette obiettivi di sviluppo sostenibile e sull’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, che l’Italia ha sottoscritto nel 2015»; 

come riportato dal quotidiano, durante l’inaugurazione dell’evento, il Ministro interrogato ha annunciato «mille assunzioni nel settore dei beni culturali, che avverranno presto»; 

il Ministro, nell’occasione, ha evidenziato che «nel settore dei beni culturali non si fanno assunzioni da anni. Stiamo finendo adesso un concorso per cinquecento archeologi, storici dell’arte, bibliotecari, archivisti e antropologi. Siamo riusciti a passare, con una norma, da cinquecento a ottocento assunzioni, e io ho l’intento, a breve, di passare da ottocento a mille»; 

inoltre, il Ministro ha aggiunto che «investire in cultura è il miglior antidoto a tutti i mali di questo tempo, e al Mibact arriveranno tanti giovani di alta professionalità. È una vera e propria boccata d’ossigeno, anche rispetto al fatto che all’università si sono moltiplicati i corsi sui beni culturali, creando a volte aspettative troppo alte»; 

nel corso del suo intervento il Ministro ha ricordato come «molte delle attività messe in campo dal Governo in tema di cultura siano state immaginate pensando di correggere una distorsione. Noi tutti siamo orgogliosi del vasto patrimonio materiale e immateriale che abbiamo ma sembriamo rassegnati al fatto che si legga meno, si vada meno a teatro e al cinema. La rassegnazione è uno sbaglio tragico, ma ci sono finalmente, dal 2015, indicatori positivi che dimostrano che si può invertire la tendenza» –: 

alla luce dei fatti esposti in premessa, se il Ministro interrogato intenda chiarire le tempistiche e le modalità previste per le nuove assunzioni nel settore dei beni culturali. (4-16869)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: