Trieste: criticità scuole – Interrogazione al Miur   Leave a comment

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca

Per sapere – premesso che:

il 4 luglio 2017, nel corso di una conferenza stampa, la Ministra interrogata ha annunciato come «(…) quest’anno saranno 52.000 i posti disponibili per le assunzioni, compresi i 15.100 in più previsti dalla Legge di Bilancio grazie alla trasformazione di una parte dell’organico di fatto in organico di diritto.». La Ministra ha assicurato che «le procedure per le assunzioni si concluderanno entro il 14 agosto, con decorrenza dei contratti dal primo settembre. Lo scorso anno si chiusero il 15 settembre»;

inoltre, «grazie all’intesa siglata con le organizzazioni sindacali il 21 giugno scorso, le assegnazioni provvisorie si concluderanno entro il 31 agosto»;

la Ministra ha evidenziato infine «tempi più rapidi anche per l’assegnazione delle supplenze annuali: verranno effettuate entro la metà di settembre, in corrispondenza dell’inizio delle lezioni, garantendo alle ragazze e ai ragazzi continuità didattica e rispetto del diritto allo studio. L’anno scorso le procedure si conclusero ad ottobre. In più, grazie alle nuove assunzioni, il numero delle supplenti e dei supplenti si ridurrà di almeno 15.000 unità»;

con il decreto ministeriale n. 522 del 26 luglio 2017, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha autorizzato i contingenti delle assunzioni docenti 2017/2018. Nello specifico, il provvedimento prevede «la copertura di 51.773 posti di lavoro nella scuola. Le assunzioni per insegnanti saranno effettuate a valere sulle graduatorie dei concorsi per docenti, per titoli ed esami, attualmente vigenti, e sulle graduatorie ad esaurimento (GAE). Gli inserimenti del personale docente saranno effettuati a tempo indeterminato per il prossimo anno scolastico»;

come riportato da Il Sole 24 Ore il 27 luglio 2017, «il DM emanato con quasi un mese di anticipo, grazie anche alla rapidità con cui si sono svolte le procedure di mobilità, metterà gli uffici scolastici territoriali e le segreterie nelle condizioni di accelerare. Questi inserimenti saranno resi possibili grazie all’intesa raggiunta, lo scorso 9 maggio, dal Miur con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, per attuare la Legge di Bilancio. Lo scopo è quello di garantire un avvio ordinato del prossimo anno scolastico, affinché studentesse e studenti possano avere i docenti in cattedra fin da subito (…)»;

in merito alla riapertura del nuovo anno scolastico in Friuli Venezia Giulia, Il Piccolo di Trieste nell’articolo del 10 settembre 2017 ha informato che «(…) 23.950 studenti triestini tra i 3 ai 18 anni faranno il loro ingresso in classe.» Tuttavia, secondo i sindacati, il mondo della scuola a Trieste presenta ancora criticità evidenti. Donato Lamorte, segretario generale della Cisl scuola Friuli Venezia Giulia, ha spiegato come «nella scuola primaria manchino ormai da tempo docenti di sostegno specializzato. Non ce ne sono a sufficienza e molti posti andranno a chi non ha i requisiti richiesti. Purtroppo il Ministero non ha ancora attivato nuovi percorsi formativi adeguati, pur essendo forte l’esigenza.»;

Lamorte ha sottolineato che «sono stati concessi in deroga sul sostegno in Regione più di 590 posti, ma mancano gli insegnanti. Ciò significa che alcuni bambini con difficoltà saranno seguiti da persone che si attiveranno al meglio per fornire un supporto concreto, pur non avendo una specializzazione in quel determinato campo»; inoltre, «risulta assente il personale Amministrativo, Tecnico e Ausiliario statale (Ata). Le scuole hanno difficoltà a coprire tutte le esigenze di un determinato istituto, in termini di collaboratori scolastici e assistenti amministrativi, servono, dunque, posti aggiuntivi oltre a quelli concessi. Gli istituti scolastici sono in sofferenza.»;

in ultimo, si rilevano criticità anche nelle scuole pubbliche di secondo grado. Clementina Frescura, preside dell’istituto tecnico statale Alessandro Volta di Trieste, ha spiegato come sia «arrivata tardi la conferma dell’organico e, di conseguenza, l’indicazione del numero di insegnanti e delle classi autorizzate. Grazie al grande lavoro di questi giorni partiremo comunque anche se, come accade ormai 7 da anni, manca ancora qualche docente. Ormai siamo abituati a situazioni simili e riusciremo a gestirle anche quest’anno» –:

se il Ministro interrogato ritenga di dover assumere iniziative al fine di verificare le criticità riportate in premessa;

se e quali iniziative intenda assumere per garantire agli alunni disabili della scuola primaria il diritto ad un percorso educativo adeguato attraverso la presenza di docenti di sostegno specializzati;

quali iniziative intenda assumere affinché sia incrementato il corpo docenti ed il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, necessari a garantire la corretta gestione degli istituti;

se intenda fornire chiarimenti sul ritardo della conferma dell’organico 2017/2018 previsto per gli istituti superiori di secondo grado.
(4-17827)

scuola

Link Sito Camera

Pubblicato 18 settembre 2017 da vari86 in 2017, Documenti Camera, Trieste

Taggato con , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: