Archivio dell'autore

CitySport Pagina Motori – 20 novembre 2017   Leave a comment

Annunci

Pubblicato 26 novembre 2017 da Aris Prodani in 2017, Articoli Sport

Taggato con , ,

CitySport Pagina Motori 12 novembre 2017   Leave a comment

Pubblicato 21 novembre 2017 da Aris Prodani in 2017, Articoli Sport

Taggato con , , ,

CitySport – Pagina motori 06 novembre 2017   Leave a comment

Pubblicato 11 novembre 2017 da Aris Prodani in 2017, Articoli Sport

Taggato con , , ,

Applicazioni videogiochi in ambito museale – Interrogazione al MIBACT   Leave a comment

PRODANI— Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. — Per sapere – premesso che:

secondo l’ultimo rapporto realizzato dall’Associazione editori sviluppatori videogiochi italiani (Aesvi) e presentato l’11 maggio 2017 a Milano, in occasione dell’evento «Videogiochi: una passione senza età», «in Italia il settore video ludico è caratterizzato da un pubblico di appassionati sempre più ampio, adulto e in continua crescita (…)»;
lo studio sottolinea che il mercato dei videogiochi in Italia «chiude il 2016 in positivo con un giro d’affari di oltre un miliardo di euro e un trend in crescita dell’8,2 per cento rispetto al 2015. Si registra inoltre una crescita nelle vendite in tutti i segmenti di mercato considerati, come software (+11,9 per cento), console (+2,3 per cento) e accessori (+3,7 per cento)»;
Il Piccolo di Trieste, il 21 marzo 2017, analizzando gli aspetti positivi dei videogiochi, ha riportato come possano «stimolare i processi mentali, come la memoria e la capacità di ragionare; ma anche la fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità. I videogiochi faciliterebbero l’approccio alla cultura e al pensiero tecnologico, stimolano la creatività, migliorano la prontezza dei riflessi e soprattutto allontanano la noia»;
l’Agenzia giornalistica Italia (Agi), il 20 giugno 2017, ha informato come «il mondo dei videogame sia anche un campo di sperimentazione di tecnologie e strumenti applicabili in altri contesti, quali quelli della realtà virtuale utilizzabile ad esempio nel settore culturale. Di recente è stata aperta al pubblico la possibilità di visitare “l’Ara com’era”, un racconto multimediale, tra storia e tecnologia in una visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis, nella quale personaggi, gesti, divinità e animali si animano in 3d per illustrare, insieme al colore, le origini di Roma e della famiglia dell’imperatore Augusto»;
il 29 settembre 2017, in occasione dell’apertura della Milan Games Week, in un’intervista a Il Corriere della sera, il Ministro interrogato si è espresso riguardo al valore ed al patrimonio culturale dei videogiochi;
il Ministro ha dichiarato come il settore sia in grande espansione in Italia: «Un settore in grado di attirare le grandi produzioni internazionali e i talenti, che ha bisogno di crescere e che, tuttavia, finora ha ricevuto poche attenzioni dallo Stato. Oggi, grazie all’estensione del tax credit audiovisivo anche alle produzioni di videogame, c’è finalmente un primo importante riconoscimento. Ne seguiranno altri. La nuova Cinecittà, per esempio, avrà anche un ruolo di snodo nazionale per il settore con attività di ricerca e sviluppo, studi di produzione videoludica, formazione. In questo modo, si sfrutteranno al meglio le potenzialità connesse al rapporto tra le varie industrie e mestieri dell’audiovisivo: cinema, televisione, videogame. E si riuscirà a sostenere l’internazionalizzazione del settore e il rientro di tanti giovani talenti italiani ora impiegati con successo nelle grandi società di produzione mondiali»;
inoltre, «i videogame sono strumenti per la mediazione, la partecipazione, il coinvolgimento delle persone. Penso al ruolo crescente che avranno i giochi di simulazione reale o la realtà virtuale per le nostre società nel prossimo futuro. Chi visita un museo oggi vuole vivere un’esperienza piena, che spesso va oltre il tempo vero e proprio dedicato alla permanenza nelle sale (…)»;
il Ministro interrogato, ha affermato come i videogame e possano essere importanti per l’apprendimento: «Partiamo per esempio da Minecraft, che è un gioco dai risvolti differenti, in cui convivono insegnamenti di matematica, educazione civica, geometria e anche di filosofia. (…) Credo fortemente nella potenza del videogame. Lo stesso Piano Nazionale Scuola Digitale riconosce le potenzialità dell’apprendimento attraverso il gioco. Si pensi alle applicazioni nell’ambito delle politiche di integrazione, per lo studio linguistico o negli insegnamenti scolastici dei vari gradi»;
il Ministro ha concluso la sua intervista affermando che il videogioco «è un’arte che coinvolge nelle produzioni delle vere e proprie fabbriche di creativi: dai disegnatori ai pittori, dagli scultori 3D agli architetti fino a fisici e matematici, dimostrandosi tra l’altro un’arte con ottime prospettive occupazionali per molte di quelle professioni che, generalmente, hanno più difficoltà a collocarsi nel mercato del lavoro» –:
alla luce dei fatti esposti in premessa, se intenda spiegare chiaramente quali saranno i progetti futuri volti a favorire e sviluppare il settore video ludico;
se intenda assumere iniziative per stimolare i collegamenti tra l’ambito museale e quello dei videogiochi, finalizzati ad accrescere la visibilità del museo nei confronti di nuovi pubblici e a determinare una maggiore interazione con il visitatore. 
(4-18163)

E commerce aziende italiane – Interrogazione al MISE   Leave a comment

PRODANI — Al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

il presidente di Netcomm Roberto Liscia, in occasione del Netcomm Forum 2017, ha spiegato che in Italia è «in atto un cambiamento sistemico di acquisto e offerta che coinvolge alcuni fattori importanti del commercio elettronico. Il digitale (…) intride moltissimi aspetti della vita quotidiana del consumatore. Nel 2016 sono stati acquistati nel mondo beni e servizi online per circa 2.600 miliardi di euro, registrando una crescita del 17 per cento rispetto al 2015 e i consumatori che acquistano online hanno raggiunto la quota di 1,4 miliardi»;
la rivista online Wired.it, nell’articolo del 3 maggio 2017, ha riportato il quadro emerso dai dati presentati dall’Osservatorio eCommerce B2C (School of management del Politecnico di Milano e Netcomm) nell’ultima edizione del Forum menzionato, e ha evidenziato come in Italia «(…) tra il 2015 e il 2016 le vendite online siano aumentate». Tuttavia, «confrontando la situazione con le abitudini di acquisto di altri paesi europei, emerge che il commercio elettronico in Italia non è ancora così diffuso»;
il sito http://www.insidemarketing.it ha evidenziato come «le cause del ritardo italiano siano molteplici e tutte legate ad un ecosistema digitale poco sviluppato. I sistemi di eCommerce, infatti, sono diffusi soprattutto in paesi con un alto tasso di ricerca e sviluppo, un elevato numero di brevetti e competenze digitali molto avanzate. Inoltre, bisogna tener conto che in Italia esiste un contesto legale e fiscale poco incentivante (…)»;
durante l’11° Consumer & Retail Summit de Il Sole24Ore svoltosi a Milano il 3 ottobre 2017, analisti ed esperti del settore hanno delineato il quadro sull’andamento del retail 4.0;
Alessio Agostinelli, partner e managing director di The Boston Consulting group (BCG), nel corso dell’evento, ha affermato «l’era digitale è un’opportunità per i retailer tradizionali. L’onda del commercio elettronico viene alimentata anche dall’evoluzione tecnologica. Oggi in Italia il peso dei commercio online è solo il 2,8 per cento del totale ma si stima che arrivi al 7,3 per cento entro il 2021»;
le aziende italiane, nonostante stiano sperimentando sempre di più le vendite online, risultano limitate rispetto ai Paesi europei. Nello specifico «il Regno Unito si colloca al 15,5 per cento per quanto riguarda il peso delle vendite online, la Francia al 10,2 per cento, la Germania al 9,9 per cento. Prima dell’Italia, ci sono anche la Spagna al 4,2 per cento e la Grecia al 3,5 per cento. Tuttavia la frammentazione della rete commerciale, con 750 mila negozi in sede fissa e oltre 200 mila ambulanti, giustificano il “ritardo” italiano, soprattutto nel settore alimentare»;
grazie all’utilizzo del digitale si accorciano, inoltre, i tempi per coinvolgere un numero elevato di utenti. A riguardo il report di Bcg ha spiegato che «alcune aziende importanti del web hanno raggiunto 50 milioni di utenti con una rapidità elevata. Facebook, ad esempio, ha impiegato 3,5 anni, Aol 2,5 anni e Whatsapp meno di 2 anni. Il dato diventa significativo se paragonato ai 75 anni impiegati dalle compagnie telefoniche o ai 38 di quelle televisive per raggiungere lo stesso identico risultato»;
inoltre, in Italia l’e-commerce appare un fenomeno trasversale che non coinvolge tutti i settori allo stesso modo. «Se nell’ambito dei prodotti alimentari lo scetticismo prevale sulla curiosità, nel settore dell’elettronica, invece, si registrano aumenti significativi»;
tuttavia, «un aumento delle vendite online non sempre equivale a maggiori ricavi. Un caso esemplificativo è quello che riguarda MediaWorld: nel primo semestre dell’anno fiscale 2016/17 i prodotti acquistati online sono cresciuti del 45 per cento mentre quelli venduti nel negozio fisico sono diminuiti del 3 per cento. Dati che si tramutano in un -1,5 per cento dei ricavi complessivi. (…) Le aziende, per avere successo, devono trovare la giusta combinazione tra l’offerta virtuale e offerta fisica (…)» –:
quali iniziative intenda promuovere per garantire e incrementare lo sviluppo dell’e-commerce;
quali strumenti intenda utilizzare per ridurre il digital divide tra l’Italia e i Paesi europei e consentire lo sviluppo nel commercio elettronico delle aziende italiane. 
(4-18162)

Pubblicato 5 novembre 2017 da Aris Prodani in Articoli 2011

Taggato con , , , ,

Direttiva sul copyright – Interrogazione al Mibact   Leave a comment

PRODANI — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. — Per sapere – premesso che:

il 14 settembre 2016, la Commissione europea ha presentato ufficialmente al Parlamento europeo la nuova «direttiva sul copyright» che include dei piani per una nuova tassa sui link, ossia la concessione di nuovi ampi poteri per la pubblicazione di frammenti di testo utilizzati in collegamenti ipertestuali che dovranno essere pagati agli editori;
il 2 maggio 2017 come riportato dalla nota stampa del Ministero dei bene e delle attività culturali e del turismo, il Ministro interrogato e il Ministro della cultura e della comunicazione della Repubblica francese Audrey Azoulay hanno firmato a Parigi una dichiarazione congiunta sul diritto d’autore, «che impegna Italia e Francia a individuare posizioni comuni per promuovere e preservare il fondamento della creatività nel contesto della riforma del quadro europeo del settore promossa dalla Commissione europea, in particolare mantenendo fermo il principio della territorialità del diritto d’autore, chiave di volta per il finanziamento e la diffusione della cultura»;
«I due Paesi ritengono che tale riforma debba infatti essere parte integrante di una autentica strategia europea della cultura nell’era digitale, per favorire non solo l’accesso del pubblico alle opere, ma anche per sostenere la giusta remunerazione dei creatori e la continuità dell’economia della cultura, oltre che la diversità delle opere realizzate e la libertà di scelta del pubblico, attraverso un’adeguata responsabilizzazione degli intermediari online di opere protette da copyright»;
«A tale proposito Italia e Francia reputano che, insieme alle proposte relative al diritto d’autore nel mercato unico digitale, sia indispensabile e urgente garantire l’aggiornamento e l’armonizzazione di un quadro efficace per l’effettiva tutela di tali diritti, in particolare per quanto riguarda le attività online»;
la dichiarazione è stata accolta favorevolmente dalla Società italiana degli autori ed editori (Siae) che ha sottolineato come «l’impegno dei due Paesi sia in linea con la lettera promossa da IAE e sottoscritta dalle diverse Associazioni di categoria, consegnata proprio al Ministro Franceschini lo scorso mese di gennaio». In particolare, SIAE e le Associazioni di tutti i settori di Italia Creativa hanno chiesto al Governo «attenzione e sostegno nella difesa dell’intera filiera dalle concrete minacce allo sviluppo e nella protezione dei diritti degli autori dei contenuti creativi e culturali in Europa nella proposta di Direttiva Copyright». Secondo SIAE «l’accordo siglato è un passo fondamentale per una sfida che, a livello europeo, rappresenta 7 milioni di lavoratori, che operano nelle industrie creative e culturali e che necessitano di particolare attenzione e tutela»;
come riportato dal sito online http://www.agendadigitale.eu «il cosiddetto pacchetto Copyright si compone di una Direttiva sul Copyright, e infine di un regolamento, che fa direttamente riferimento alla Direttiva SatCab»;
la direttiva SatCab 93/83/EEC «facilita la ritrasmissione via satellite e via cavo di programmi radiotelevisivi da altri Paesi Membri. Grazie alla Direttiva, oggi un gran numero di canali Tv sono disponibili in Paesi diversi da quello di origine, col risultato di rafforzare la diversità culturale. Tra le iniziative del Mercato Unico Digitale, la revisione della Direttiva SatCab si pone l’obiettivo di verificare la necessità di ampliarne il campo di applicazione, estendendolo alle trasmissioni online dei broadcaster, e di adottare ulteriori misure per migliorare l’accesso transfrontaliero ai servizi delle emittenti radiotelevisive in Europa»;
il 3 settembre 2017 a Venezia si è svolto il seminario sulla proposta di regolamento SatCab, un incontro di natura tecnica per gli operatori del mondo dell’audiovisivo, promosso dall’Associazione 100autori e da Anica, per spiegare le ragioni di una posizione nettamente contraria all’articolo 2 della proposta della Commissione europea;
secondo il comunicato congiunto di 100 autori – Anica «se questa proposta venisse adottata un’emittente licenziataria dei diritti di utilizzazione televisiva di un’opera audiovisiva per il territorio di uno Stato membro potrebbe liberamente mettere a disposizione del pubblico tale opera on-line in tutti i paesi dell’UE»;
lo sceneggiatore Stefano Sardo ha dichiarato che «per gli autori italiani che si battono oggi affinché in Italia si avvii una seria riforma sulle quote dei diritti questo Regolamento rappresenta un forte pericolo sia per il diritto d’autore che per tutto il mondo della produzione» –:
con riferimento alla normativa sopra citata, quali iniziative il Ministro interrogato intenda assumere a sostegno dell’intera filiera creativa e culturale, promuovendo e preservando il diritto d’autore;
quali iniziative intenda assumere per garantire il fondamento della creatività, nel contesto della riforma promossa dalla Commissione europea, in particolare sostenendo il principio della territorialità del diritto d’autore. 
(4-18223)

Pubblicato 5 novembre 2017 da Aris Prodani in Articoli 2011

Taggato con , , ,

Overtourism e sviluppo sostenibile – Interrogazione al MIBACT   Leave a comment


Giovedì 26 ottobre 2017, seduta n. 879

PRODANI. — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. — Per sapere – premesso che:
come riportato recentemente da diverse fonti di stampa italiane «il tema del sovraffollamento turistico, e delle diverse soluzioni intraprese dai territori, ha caratterizzato la cronaca estiva»;
secondo l’articolo del 12 ottobre 2017 pubblicato sul sito onlinewww.shoppingviaggi.com «(…), chi è stato a Venezia durante un week-end estivo ha avuto modo di constatare il fenomeno del cosiddetto overtourism, ossia il turismo selvaggio caratterizzato da un numero elevato di visitatori presenti nelle principali piazze delle città d’arte, nelle strutture e nei vari servizi turistici, tale da trasformare la permanenza in un luogo in una esperienza caratterizzata da stress, attesa, scarsa igiene, cattivi odori, caos e conseguenze ambientali arrecanti vera e propria esasperazione in seno ai residenti e difficoltà di gestione sia dal punto di vista pubblico e amministrativo, sia da quello dell’imprenditoria locale»;
l’articolo pubblicato sul sito http://www.officineturistica.com il 13 maggio 2017, ha sottolineato come «l’overtourism rischia di ridurre, se non distruggere il valore del capitale turistico, cioè i siti naturali e culturali alla base dell’attrazione di una località (…)»;
il sito http://www.linkiesta.it, l’8 agosto 2017, ha analizzato la tematica, evidenziando «come i segnali di nervosismo contro gli effetti collaterali del turismo mordi e fuggi siano giunti anche a Roma. La sindaca Virginia Raggi ha evidenziato la possibilità di introdurre dei limiti all’esercizio dei minimarket e fruttivendoli aperti 24 ore su 24 nel centro storico e incentivi per negozi, artigiani e librerie. Le limitazioni d’accesso in determinate aree del centro storico sono state richieste a Firenze e perfino in città balneari, da Capri alle Cinque Terre, da Laigueglia ad Alassio, dove il sindaco, per giorni si è dimostrato intenzionato a mettere un contapersone per l’accesso alla spiaggia libera, assediata da escursionisti rumorosi (…)»;
come evidenziato nell’articolo pubblicato dall’agenzia di stampa Adnkronos il 26 settembre 2017, «il tema dell’overtourism si inserisce nella sfera del confronto sul turismo sostenibile, cui è stata dedicata la Giornata mondiale del Turismo celebrata il 27 settembre scorso»;
in particolare, «Overtourism e la battaglia per lo sviluppo di un turismo sostenibile. Come migliorare la convivenza fra turisti e cittadini con idee e progetti di evoluzione e trasformazione urbana» è stato il tema del convegno svoltosi nella giornata del 12 ottobre a Ttg Incontri 2017, il principale marketplace del turismo B2B (Business to business in Italia);
nel corso dell’evento sono state affrontate alcune tematiche legate alle linee guida del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, orientate a promuovere un turismo sempre più sostenibile, analizzando l’evoluzione dei trend turistici e i problemi del sovra affollamento turistico;
al riguardo, il sito web http://www.Tttgitalia.com ha spiegato che per combattere il problema dell’overtourism il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha delineato «una strategia che miri alla valorizzazione delle nuove mete, come i cosiddetti centri minori, promuovendo esperienze innovative di turismo culturale e, soprattutto, distribuendo meglio i flussi turistici, piuttosto che pensare a soluzioni come chiusure delle città e nuove tassazioni» –:
se il Ministro interrogato intenda spiegare, nello specifico, quali iniziative e secondo quali tempistiche intenda assumere per risolvere la problematica del sovraffollamento nei punti critici delle grandi città d’arte italiane;
quali politiche di sviluppo turistico sostenibile intenda promuovere per la valorizzazione dei centri minori. 
(4-18308)

Pubblicato 5 novembre 2017 da Aris Prodani in 2017, Documenti Camera, Turismo, X Commissione

Taggato con , , ,