Archivio per la categoria ‘I miei articoli

Citysport Pagina_Motori – 30 aprile 2018   Leave a comment

Annunci

Pubblicato 3 maggio 2018 da Aris Prodani in 2018, Articoli 2011

Taggato con , ,

CitySport #Pagina_Motori dd 26 marzo 2018   Leave a comment

Pubblicato 30 marzo 2018 da Aris Prodani in Articoli 2011

Taggato con , , ,

Campionato Automobilistico FVG: Parlato, Fusaro e De Vecchi dominano la velocità in salita – TriestePrima 26 marzo 2018   Leave a comment

Che la scuola triestina della velocità in salita continuasse a sfornare piloti di calibro era cosa nota. L ‘ennesima riconferma arriva dalle premiazioni del Campionato Automobilistico Friuli Venezia Giulia, organizzate la scorsa domenica a Corno di Rosazzo. Giunto alla trentacinquesima edizione, il trofeo
premia i licenziati Aci Sport con classifiche specifiche per le singole specialità. La velocità in salita vetture moderne è stata appannaggio dei triestini, con ben quattro piloti nelle prime dieci posizioni, e con una vera e propria occupazione del podio. Sul gradino più alto Paolo Parlato, grazie al secondo posto nel Campionato Italiano Velocità della Montagna e nel TIVM a bordo della sua Type R, seguito da Carmelo Fusaro per la brillante stagione d’ esordio sulla Peugeot 306 S16 nel Trofeo Italiano Velocità della Montagna Nord con la vittoria di classe ed il terzo di gruppo RS e da Marco De Vecchi, secondo nella combattutissima classe N1600 del TIVM Nord. In classifica anche Aberto Agosti, grazie alla terza piazza strappata nella N1600 nell’ anno del ritorno alle competizioni.
Una dominio netto, che ribadisce la tradizione giuliana della velocità, suggellato dalla vittoria assoluta del Campionato Regionale da parte di Enrico Lena, trionfatore per la terza volta con la sua Fulvia HF nell’ Europeo velocità in salita riservato alle vetture storiche. ( AP )

Link: http://www.triesteprima.it/sport/campionato-automobilistico-fvg-parlato-fusaro-e-de-vecchi-dominano-la-velocita-in-salita.html

Team Enduro 360 MTB: a Mossa emerge la forza del gruppo – TriestePrima 20 marzo 2018   Leave a comment

 Nell’ attesa del 7° Enduro Tre Camini in programma il prossimo 08 aprile, per il quale le iscrizioni di rilievo stanno giungendo copiose, la 360 MTB ha schierato la propria squadra enduro al Go Enduro 4 Fun di Mossa (GO), evento di apertura della stagione agonistica 2018. I concorrenti, molti dei quali hanno dato forfait anticipato scoraggiati dalle pessimo meteo dei giorni precedenti, si sono trovati i tracciati del Monte Calvario pesantemente trasformati in piste fangose e particolarmente viscide. Ma nonostante le proibitive condizioni e le notevoli difficoltà, i ragazzi del team 360 MTB non si sono persi d’animo. Molti i giovani atleti delle categorie esordienti, allievi e juniores, di cui diversi alla prima esperienza in assoluto in una gara enduro. Alcuni si sono ritirati dopo molte cadute, altri hanno lottato fino all’ultimo contro la fatica e le discese scivolose , qualcuno ha conquistato anche un podio, ma va sicuramente premiata la volontà del gruppo di mettersi alla prova in una disciplina estrema, portando a casa un bagaglio d’ esperienza utile per i prossimi imminenti appuntamenti. Vincitori assoluti sono risultati i fratelli Braidot, atleti di livello internazionale del gruppo Carabinieri, che hanno conquistato i primi due posti sul podio. Appuntamento con la gara di casa, dunque, il secondo fine settimana di aprile che, oltre a rappresentare l’ evento clou della stagione 2018, assegnerà anche i titoli di campione regionale enduro per tutte le categorie FCI

Aris Prodani 

Link: http://www.triesteprima.it/sport/team-enduro-mossa-21-marzo-2018.html

Pubblicato 22 marzo 2018 da Aris Prodani in Articoli 2011

Apre i cancelli il Trieste City Bike Park di Cattinara – Citysport    Leave a comment

Con l’ Open Day 360 MTB 4 Kids di sabato 10 marzo parte la stagione della 360 MTB: apre i cancelli il Trieste City Bike Park Tre Camini di Cattinara!

L’ intervista al nostro presidente Lorenzo Cortese pubblicata su City Sport
Un’ associazione in costante espansione, sia per il crescente numero di appassionati che di attività proposte, un impianto sportivo che si accinge a diventare una vera e propria eccellenza, una serie di eventi di respiro internazionale su cui spicca l’ Enduro Tre Camini in programma ad aprile. Ed è Lorenzo Cortese, presidente della Asd 360 Mtb, a raccontare la sempre più ampia diffusione dei “gravity games” e delle diverse discipline legate alle due ruote che il sodalizio triestino organizza, a partire dall’Open Day previsto sabato 10 marzo.
L’associazione e le attività proposte stanno vivendo un momento di grande crescita. Ma partiamo dalle origini. 
La 360 MTB nasce nel 2011 grazie alla volontà di un gruppo di amici, uniti dalla passione per la bicicletta come strumento di divertimento in mezzo alla natura, ma arricchito da dei connotati tecnici relativi alla guida su percorsi difficili, in discesa e ripidi. Creare un punto di riferimento per le discipline “gravity”, ovviamente affiancato dal necessario insegnamento ai bambini e ragazzi, e senza dimenticare gli adulti, era il comune denominatore.
La ricerca di una sede stabile da poter attrezzare è stata una logica conseguenza.
Certamente. Dopo diversi tentativi senza esito, la svolta è stata il contatto con il gestore della pista di sci d’erba di Cattinara con il quale abbiamo iniziato una collaborazione nell’organizzazione del primo dual slalom e poi delle prime due edizioni della Enduro 3 Camini. E, saputa dell’intenzione del Cai di terminare le proprie attività, ci siamo proposti per gestire direttamente la struttura. Si può dire che, oggi, il Trieste City Bike Park Tre Camini sia una realtà.
Uno spazio incredibile dal punto di vista panoramico. Ma non solo.
La pendenza e la superficie dell’area ci consentono di realizzare diverse tipologie di percorsi e allestimenti in funzione delle esigenze specifiche; paraboliche, salti, drop permetteranno a tutti i ragazzi di imparare la tecnica divertendosi. E anche con l’allestimento a breve della Pump Track, realizzeremo il primo campo scuola Gravity in una grande città.  
Parlavi delle discipline “Gravity”
Si. L’enduro ed il downhill hanno un grande seguito soprattutto tra i giovani in quanto sono le specialità più tecniche e spettacolari. Nell’Enduro, che sta andando per la maggiore, si guida contro il cronometro in discesa per poi risalire con dei tempi di trasferimento imposti. E’ sicuramente la disciplina più completa in quanto oltre alle abilità tecniche di guida gli atleti devono affrontare anche grandi dislivelli in salita. Il downhill invece consiste nel percorrere un tracciato completamente in discesa, contraddistinto da un elevato tasso tecnico. Si corre o nei Bike park o su tracciati appositamente preparati con salti, ripidi, curve paraboliche che permettono evoluzioni come drop e jump.
Discipline sicuramente diverse dal solito modo di considerare la mountain bike. E che richiedono conoscenze tecniche specifiche.
Le gravity attirano soprattutto i giovani che vogliono divertirsi con la bicicletta. Ovviamente questo desiderio deve essere educato ed insegnato affinchè il tutto avvenga nella massima sicurezza. Con una buona tecnica di guida, un buon allenamento e con le adeguate protezioni si cerca di prevenire qualsiasi tipo di infortunio. I corsi di tecnica di guida presso la nostra Scuola, oltre che a migliorare la propria sicurezza nel condurre la bicicletta, aiuteranno sia i principianti che i più esperti a ridurre al minimo qualsiasi incidente, anche durante la passeggiata domenicale.
Quindi, l’Open Day che organizzate il 10 marzo presso il campo scuola del Trieste City Bike park 3 Camini a Cattinara, diventa utile per comprendere le proprie capacità e per conoscere le diverse discipline?
Assolutamente si. L’Open day della scuola di mountain bike, organizzato in diverse fasce orarie in base all’età dei bambini e dei ragazzi, sarà l’occasione per provare una lezione con il supporto dei maestri della Federazione Italiana Ciclismo. Per tutti i nuovi allievi che vogliono provare è obbligatoria la prenotazione scrivendo a: 360mtb@gmail.com ed indicando nome cognome, età e recapito telefonico, oppure telefonando allo 3477370454. Sarà sufficiente presentarsi negli orari previsti con la propria bicicletta ed il casco. E godere di una giornata fantastica!
Aris Prodani – #CitySport

Pubblicato 14 marzo 2018 da Aris Prodani in Articoli 2011

Taggato con , ,

Già record per Room 101, ultimo singolo di Igor Longhi    Leave a comment

Già record per ROOM 101, l’ ultimo singolo di Igor Longhi

Nuovamente al piano l’artista triestino, seguitissimo su Spotify

Una produzione musicale di qualità che, evidentemente, riesce a sfiorare le corde giuste. A dimostrarlo, oltre agli apprezzamenti di rilievo ricevuti, ci si mettono i numeri, che fanno intendere quanto i brani del triestino Igor Longhi siano attesi. Ma, soprattutto, ascoltati.

Perchè, iniziata l’avventura da solista, dopo la lunga esperienza nel reggae con la band internazionale Makako Jump, il primo lavoro di Longhi al pianoforte ha attirato da  subito l’attenzione dei playlist curator di Spotify, riuscendo a superare i 750.000 play sulla piattaforma in poco meno di un anno. Ma non da meno è stato il penultimo lavoro “Growing Up”, entrato direttamente al 7° posto, due giorni dopo la release, nella Top  100 Classical di iTunes Canada ed ascoltato da diverse decine di migliaia di appassionati in pochi mesi.

E Room 101 si pone, nelle aspettative del pianista, su quel fil rouge che ha legato tutti i suoi lavori degli ultimi anni.

Il brano nasce come colonna sonora di una pièce teatrale nella quale un adolescente, dopo aver assistito all’omicidio della madre, riesce ad esprimersi soltanto attraverso le note del pianoforte. 

“Scrivere questo brano è stata un’esperienza nuova, intensa” commenta Longhi. “Cercare di dare forma a un manoscritto, trovare la giusta musica che potesse sottolineare ed enfatizzare una scena recitata…immedesimarmi in un ragazzo che comunica solo attraverso la musica, mi ha fatto scoprire un nuovo modo di relazionarmi con il pianoforte. Spero di essere riuscito a trasmettere all’ascoltatore le stesse emozioni e la stessa empatia da me provata in fase di composizione”

Il brano, la cui copertina è frutto della mano dell’artista Michelangela Caldarella, “descrive lo stato d’ansia che si prova davanti a quella maledetta porta di orwellana memoria, che ciascuno di noi si trova a fronteggiare almeno una volta nella vita, e la paura di quello che, una volta attraversata, potrebbe trovare” conclude Longhi.

Room 101, che solo dopo meno di 24 ore dal rilascio, è stata inserita nel Contemplative Classical, importante playlist di musica classica moderna curata dall’incredibile compositore Michael Price, è disponibile sulle tradizionali piattaforme musicali.

Aris Prodani

TriestePrima 07 marzo 2018

Pubblicato 7 marzo 2018 da Aris Prodani in Articoli 2011

Violazioni Poste Italiane – Interrogazione al Mise e al Mef   Leave a comment

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell’economia e delle finanze.

Per sapere – premesso che:

come riportato dal Bollettino n. 41 del 30 ottobre 2017, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, il 1° marzo 2017, ha avviato il procedimento istruttorio «PS10593» nei confronti della Società Poste Italiane s.p.a. per presunte violazioni degli articoli 20, 21, comma 1, lettere c) e d), 24, 25, comma 1, lettere a) e d), del codice del consumo;

Poste Italiane, tramite una comunicazione inviata in data 12 agosto 2016 informava i clienti che, ai sensi dell’articolo 126-sexies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, testo unico bancario, a partire dal 1° novembre 2016 avrebbe provveduto a introdurre il pagamento di un canone annuo di 12 euro per la carta Postamat, sino a quel momento gratuita, e a cancellare il riferimento alla gratuità della carta Postamat dalle condizioni contrattuali, modificando il testo dell’articolo 4 della sezione I, lettera A, delle condizioni generali di contratto, nella parte relativa all’attivazione del conto corrente che prevede il rilascio gratuito della carta Postamat;

in particolare, nella comunicazione «Proposta di modifica unilaterale del contratto di conto corrente Bancoposta – canone carta Postamat» di Poste Italiane s.p.a., inviata ai correntisti BancoPosta click, veniva specificato che «non era possibile mantenere l’attuale gratuità del canone della Carta Postamat» per due «giustificati motivi»: il primo relativo all’aumento dei costi di emissione e gestione della Carta Postamat «a seguito degli investimenti effettuati per migliorare i propri sistemi di sicurezza e adeguarli all’evoluzione della carta stessa». Il secondo relativo «all’introduzione del limite alle commissioni interbancarie, sulle operazioni di pagamento effettuate con “carte”, a seguito dell’emanazione del Regolamento UE 2015/751 del 29 aprile 2015»;

«Dal momento che la modifica aveva ad oggetto specificamente i costi connessi alla carta di debito, e non quelli connessi alle condizioni generali del conto corrente, Poste Italiane non ha richiamato nell’informativa sulla modifica unilaterale l’art. 118 del TUB, bensì l’art. 126 sexies, ossia la norma del TUB che, nel Capo II-bis sui “servizi di pagamento” regola le “modifiche unilaterali delle condizioni” di detti servizi»;

per tali motivi, l’Antitrust ha avviato il procedimento a carico di Poste Italiane s.p.a. avente ad oggetto le condotte poste in essere nei confronti dei clienti BancoPosta Click;

la società, a seguito dell’avvio del procedimento, si è impegnata a rimborsare «il costo del canone della carta Postamat a tutti i clienti che hanno aperto il conto tra il 1° gennaio 2010 ed il 30 giugno 2014, ad assicurare ai clienti che hanno esercitato il diritto di recesso la possibilità di aprire un nuovo conto in cui la carta di debito sarà offerta gratuitamente e senza limiti temporali»;

infine, si è impegnata «a comunicare ai correntisti che hanno aperto il conto nel periodo 2008-2009 e nel periodo 1° luglio 2014-31 dicembre 2015, la possibilità di mantenere aperto il proprio conto BancoPosta Click, con piena operatività del servizio internet banking, rinunciando all’uso della carta Postamat e al relativo addebito, recandosi presso il proprio Ufficio Postale per sottoscrivere una modifica delle condizioni contrattuali»;

sulla base di tali impegni, l’Autorità ha deliberato la chiusura del procedimento senza accertare infrazioni al codice del consumo –:

se il Ministro sia a conoscenza dei fatti esposti e quali iniziative di competenza intenda assumere per evitare il ripetersi degli eventi citati in premessa.
(4-18630)

stage

Link Sito Camera

Pubblicato 27 novembre 2017 da vari86 in 2017, Articoli 2011, Documenti Camera

Taggato con , ,